TORRICELLA SICURA - Martedì 14 maggio, presso la sala consiliare di via Giorgio Romani, a Torricella Sicura (Teramo), si svolgerà la presentazione dell'opera "I cieli dipinti di Vincenzo Sardella", di Carla Tarquini e Renata Ronchi.

L'introduzione è stata curata da Luisa Franchi dell'Orto, storica dell'arte che presenterà il libro, mentre le foto sono state scattate da Vincenzo Ammazzalorso.

Interverranno all'evento: Daniele Palumbi, sindaco di Torricella Sicura; Pietro Costantini, capogruppo Fai giovani di Teramo; Valentina Muzi, restauratrice.

L'incontro sarà coordinato da Monica Di Blasio, assessore alle Politiche sociali del Comune di Torricella Sicura. 



Scrivere con la luce, scrivere con la parola. Fotografia e poesia. Qui di seguito i due autori abruzzesi propongono una breve, suggestiva alleanza, affilano le rispettive armi e le fanno confluire sull’imponente, intimorente triade oggetto della loro inchiesta-lampo.


Il mio caro amico Vincenzo Ammazzalorso è un "genio creativo" dell'immagine per le sue doti di osservare e pensare inquadrature ed istanti in bianco e nero. Il processo del suo osservare, pensare e realizzare in bianco e nero gli permette di creare accattivanti immagini cariche di emozioni per effetto di luci ed ombre, contrasto e trama e, infine, le tonalità di chi conosce il bianco e nero in camera oscura.


Così le foto di Ammazzalorso colgono i segni del passato.

Entrare in ambienti un tempo prestigiosi e poi abban­donati ha sempre portato i foto­grafi ad osservare ciò che resta di un passato, cercando di documen­tare una visione che consentisse di ricostruire aspetti di un mondo perduto. Il risultato ha portato quindi ad individuazioni di rile­vanza nostalgica, dove si cercava di ricostruire romanticamente una realtà, evidenziandone i tratti di­stintivi, dovuti più ad una immagi­nazione personale che ad impossibili ricordi.